ABRUZZO TERREMOTO ISTITUTO GEOFISICA IMPOSSIBILE PREVEDERLO

Terremoto: Istituto Geofisica, Impossibile Prevederlo
06 Aprile 2009

ROMA – “Nessuno al mondo poteva prevedere il terremoto di questa notte”. Così Alberto Basili, dirigente del Centro Nazionale Terremoti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, replica a chi sostiene che il sisma che ha colpito l’Abruzzo poteva essere previsto. “Non è possibile una previsione deterministica per prendere decisioni operative – ribadisce l’esperto – Non era possibile prevedere che dopo la sequenza delle scosse aquilane seguisse un evento come quello di questa notte. La storia sismica italiana ha segnato molti avvenimenti sismici senza che poi vi fosse una scossa forte”. In merito all’allarme lanciato dal ricercatore dell’INFN dei Laboratori nazionali del Gran Sasso, Giampaolo Giuliani, allarme basato sull’analisi del gas radon sprigionato dalla crosta terrestre, Basili risponde: “Anche noi abbiamo delle sezioni che si occupano delle emissioni di gas ma non è in alcun modo a nostra disposizione uno strumento di previsione operativa; l’emissione più forte di gas non può significativamente giustificare l’allarme sismico. Non abbiamo la capacità di compiere previsioni operative in base a questo tipo di studi”. Attualmente i ricercatori dell’Istituto stanno controllando le sequenze sismiche e comunicando i dati alla Protezione Civile: “Abbiamo inviato alcune squadre sul posto per localizzare gli eventi e analizzare più in dettaglio l’andamento della sequenza sismica, in particolare l’emigrazione degli epicentri”.
Fonte della notizia Repubblica.it.

Articoli correlati